Digital transformation, conta (anche) lo human factor

Nella trasformazione digitale, l'approccio orientato ai problemi e alle competenze non tecniche diventano fondamentali per il successo aziendale.

Quando si parla di Digital trasformation, non è soltanto grazie a una soluzione tecnologica che si riesce a fare un salto in avantiNel ripensare processi aziendali, il modo di lavoraredi erogare servizi o fornire prodotti attraverso il digitale, il riuscire a risolvere davvero i problemi, ideando e concretizzando soluzioni innovative, dipende anche dall’approccio che si adotta per capire come applicare la tecnologia nel migliore dei modi. 

Dobbiamo essere noi system integrator i primi a capire e a utilizzare gli strumenti che proponiamo ai clienti, perché soltanto in questo modo sapremo quali sono i loro punti di forza e a quali use case si adattano meglioSe ci limitiamo a vendere brochure, slide e cataloghi non otterremo risultati. Lo dice in un’intervista ad Agrifood.tech Fausto Turco, fondatore e Ceo di Si-Net, che sottolinea come questo genere di approccio possa fare la differenza nell’instaurare una relazione efficace con i clienti e supportare in modo significativo il loro business. 

 

Le competenze tecnologiche non bastano per la Digital transformation

Centrali sono in questo approccio le attitudini, le skill, che non sono necessariamente o esclusivamente quelle tecnologiche: “L’ingrediente fondamentale è e rimane la propensione all’ascolto prima che l’entusiasmo di voler vendere una tecnologia  aggiunge Turco.  In azienda facciamo corsi di psicologia e per il digital customer service, per accrescere le non technical skill del nostro personale. Dal mio punto di vista la differenza non è tra hard e soft skill, ma tra competenze technical e non technical, specie ora che siamo anche nell'era dell'AI."

 

Favorire una cultura digitale: formazione e dialogo con il cliente 

Quando si tratta di utilizzare al meglio gli strumenti digitali l’ascolto e la formazione sono centrali non solo per ottenere risultati di business nell’immediato, ma anche per incontrare effettivamente la soddisfazione dei clienti, semplificando i processi e quindi liberando tempo per le attività a più alto valore aggiunto. 

Se non spiego i motivi di una scelta, l’investimento in strumenti di collaboration rischia di diventare soltanto un costo. Questo, ad esempio, è un problema grande in Italia – spiega il manager – dove dietro alle spese per industria 4.0, giusto per fare un esempio, spesso non c’è una cultura digitale. La colpa di questa situazione è anche nostra, dei system integrator, perché spesso rispondiamo a un problema semplicemente proponendo una tecnologia, senza considerare che questa deve essere poi usata dalle persone.  

 

Mettere le persone al centro anche nella Digital transformation

Riuscire a implementare le soluzioni migliori a seconda degli obiettivirendendole pienamente fruibili ai destinatari è l’antidoto migliore per chi è abituato a correre dietro alla tecnologia che costa meno, e che spesso non risolve il problema per cui è stata acquistata. È importante investire in formazione, all’interno dell’azienda ma anche fuori, verso i clienti, con strumenti che siano in grado di arrivare a tanti 

 

Partire dai problemi reali 

Da questa consapevolezza nasce la scelta di Si-Net di interagire con i partner in modo particolarmente diretto e “personalizzato: “Le nostre comunicazioni con i partner non sono mai basate sulle caratteristiche tecniche dei prodotti o delle soluzioni – spiega Turco  ma sui problemi che possono contribuire a risolvere, spesso in modo brillante. Cosa c’è sotto in termini di tecnologia spesso è meno interessante per l’utente finale. Per arrivare a questo, il messaggio principale che trasmetto ai miei collaboratori è che abbiamo un compito in tre step:  

  • capire quali sono i problemi,  
  • individuare il motivo per cui si verificano, 
  • indentificare il modo migliore per risolverli. 

 

Cosa si aspettano i clienti, le priorità per il futuro secondo MyDigit

Da questa filosofia nasce anche un’idea di fondo che potrebbe essere applicata in generale al mondo dei system integrator, vale a dire la possibilità di creare un ecosistema al servizio delle esigenze dei clientiLe aziende sono infatti sempre più orientate ad affidarsi a un system integrator unico per non perdere in efficacia ed efficienza. 

Per rispondere a questa esigenza, bisogna imparare a collaborare senza chiudersi in singoli orticelliUna questione culturale da risolvere anche in questo caso, per riuscire ad essere più credibili e guadagnare a pieno la fiducia dei clienti, oltre a migliorarne i risultati. 

Condividi
Vuoi saperne di più su MyDigit?
La Digital Transformation è un insieme di aspetti pratici, validi per tutti. Perché farne a meno?
Scopri le nostre soluzioni

Ultime novità ed eventi

Vai al Blog
Copilot in Word: l’AI al servizio della scrittura e della creatività 
In cerca di nuovi spunti creativi? Microsoft ha introdotto Copilot in Word, così da rendere la produzione di testi più facile e veloce. 
SORA: il nuovo servizio di OpenAI che crea video da un semplice testo
OpenAI, l’organizzazione di ricerca leader nel campo dell’intelligenza artificiale, ha presentato ufficialmente Sora.
Power Point e Copilot: crea presentazioni accattivanti 
Quante volte ti è stato assegnato il compito di creare una presentazione aziendale con i fiocchi ma di essere in difficoltà dal lato creativo?  
logo mydigit white
Siamo un'azienda System Integrator con un approccio all'innovazione smart, che semplifica e personalizza le soluzioni IT per migliorare il business di aziende e studi professionali.
E-mail: mydigit@mydigit.it
Telefono: +39 0331 474787
Lun/Ven 9.00/12.00 - 14.30/17.00
Copyright © 2023 - MyDigit
Tutti i diritti riservati.
Via Ariberto D’Intimiano 25, 20025 Legnano (MI)
Tel. +39 0331 474787 - P.IVA: 12655660152
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram